Home » INDIA, SCUOLA E UNIVERSITA'

50 milioni di dollari per l’università. Purtroppo, non per quella italiana

15 ottobre 2010 di 3

Mentre l’università italiana versa in condizioni sempre più difficili per mancanza di fondi e di politiche adeguate, arriva oggi dagli Usa  una notizia diffusa dall’agenzia Associated Press. La Harvard Business School di Boston ha ricevuto una donazione di 50 milioni di dollari dal gruppo indiano Tata, una conglomerata fondata nel 1868 e che oggi ha una capitalizzazione di 80 miliardi di dollari.
Si tratta della più ingente elargizione ricevuta dall’Università americana da parte di un donatore straniero nei suoi 102 anni di storia. Harvard ha fatto sapere che i 50 milioni di dollari finanzieranno la costruzione di una nuova ala residenziale ed accademica del campus di Boston.
La ragione di tanta generosità da parte indiana? Ratan Tata, Presidente della Tata Sons Ltd., si laureò ad Harvard.

Modesta proposta: e se anche le università italiane cominciassero a invitare studenti indiani? 🙂

Related Posts with Thumbnails

3 Risposte »

  • 50 milioni di dollari per l’università. Purtroppo, non per quella italiana :

    […] Continua la lettura con la fonte di questo articolo: 50 milioni di dollari per l’università. Purtroppo, non per quella italiana […]

  • 50 milioni di dollari per l'università. Purtroppo, non per quella … :

    […] articolo originale: 50 milioni di dollari per l'università. Purtroppo, non per quella … Articoli correlati: » Ricercatori allo […]

  • Francesca Diano :

    Date le condizioni di degrado, di nepotismo, di mancanza di serietà e competenza di molti dei docenti, di perdita di prestigio a livello nazionale e internazionale, dubito fortemente che qualunque sponsor di qualunque paese straniero potrebbe desiderare di investire i suoi soldi in una qualunque università italiana. A che scopo? Per foraggiare le clientele?

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.