Home » CINEMA INDIANO, SIKH IN INDIA E IN OCCIDENTE

Vita e segreti di Kabir Bedi/Sandokan, neo Cavaliere della Repubblica Italiana

7 dicembre 2010 di 4

Figlio di un guru eretico del Sikhismo (poi divenuto filosofo dell’Età dell’Acquario).  Attore di Bollywood. Quindi icona della Tv italiana – dalle fiction di Sandokan negli anni Settanta fino a Un medico in famiglia e a L’isola dei Famosi. E ora Cavaliere della Repubblica Italiana.
Il 9 dicembre 2010 a Mumbai il simpatico attore panjabi Kabir Bedi riceve infatti dalle mani dell’ambasciatore italiano in India, Giacomo Sanfelice di Monteforte, il cavalierato dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, simbolo dell’affetto che l’Italia gli dimostra da decenni (e di cui l’attore si dichiara orgoglioso in questa recente intervista al Times of India).

Da molti anni Kabir Bedi è sotto i riflettori nel nostro Paese, eppure ben pochi conoscono davvero la sua storia e le sue radici. Bedi nasce nel 1946 nell’antica e affascinante città di Lahore, che all’epoca era ancora “British India” mentre oggi è inserita – con una parte del Panjab – nel territorio pakistano. Il Panjab (la regione indiana che, con il Bengala, soffrì maggiormente la partition fra India e Pakistan, venendo spezzata in due) è la terra di origine di una religione indiana minoritaria ma ormai ben nota anche in Occidente: il Sikhismo. Questa religione nacque fra il XV e il XVI secolo da una confluenza di elementi culturali induisti e islamici propugnata da un mistico, Nanak, che divenne poi il primo Guru della comunità dei Sikh. Da allora i Sikh ebbero altri nove Guru (“Maestri”) l’ultimo dei quali, Govind Singh, nel 1708 dichiarò che non avrebbe avuto successori e trasferì ogni autorità spirituale al libro sacro della comunità, il Guru Granth Sahib.


Ma questa decisione non fu accettata da tutti. La Storia del Sikhismo ha visto via via il formarsi di piccoli gruppi “eretici” – a volte vere e proprie sette scissioniste – che continuarono a nominare propri Guru. Il padre di Kabir Bedi, Baba Pyare Lal Bedi (1909-1993, foto) fu appunto uno di questi, venerato dai propri seguaci come sedicesimo Guru discendente di Guru Nanak. Baba Bedi si dedicò al diffondere un messaggio spirituale di pace e unità fra tutte le religioni a partire dal 1953, dopo vent’anni di attività politica che lo aveva anche portato a soffrire il carcere a causa della sua militanza nazionalista contro i colonialisti inglesi. Col passare degli anni Baba Bedi si allontanò dal Sikhismo per diventare un filosofo della New Age, fondando un movimento dell’Età dell’Acquario che ha avuto qualche diffusione anche in Occidente e in Italia.
Nel nostro Paese infatti Baba Bedi si trasferì per lungo tempo a partire dal 1972, fondando centri di meditazione e Terapia Vibrazionale il cui lascito sono i numerosi libri su di lui tutt’ora circolanti nel nostro Paese

In Italia esistono tutt’ora vari centri di seguaci di Baba Bedi, cui fanno riferimento blog e siti come questo, o questo oppure questo.

Baba Bedi aveva chiamato suo figlio “Kabir” proprio perché Kabir fu un poeta mistico del Medioevo indiano che propugnava un rapporto diretto con Dio al di là delle differenze fra le religioni (una selezione di poesie mistiche di Kabir si trova nel volume Mistici indiani medioevali edito da Utet). La madre di Kabir Bedi, Freda Bedi, in età avanzata si convertì al buddhismo, diventando monaca di un’ordine buddhista tibetano. Il padre si risposò con un’italiana che prosegue la diffusione della sua opera nel nostro Paese.

Il giovane Kabir decise invece di intraprendere altre strade: anziché la via spirituale scelse l’arte, diventando attore di teatro (a partire da ruoli come l’Otello di Shakespeare). Nel corso degli anni è poi passato al cinema, recitando in decine di film di Bollywood ma anche in Occidente, finché,  dopo aver raggiunto il padre in Italia, venne notato dal regista Sergio Sollima che lo scelse, nel 1976, per la prima, ineguagliata serie tv di Sandokan (che ha avuto poi dei sequel non all’altezza). Come il padre, Kabir Bedi non ha disdegnato l’impegno politico, in particolare per i diritti umani in Birmania, diventando un supporter di Burma Campaign UK.
Ormai affermato anche negli Usa, Kabir Bedi è fra l’altro membro della Academy of Motion Picture Arts and Sciences, cioè l’organismo che ogni anno attribuisce i Premi Oscar.

Related Posts with Thumbnails

4 Risposte »

  • Vita e segreti di Kabir Bedi/Sandokan, neo Cavaliere della Repubblica Italiana :

    […] Prosegue Articolo Originale: Vita e segreti di Kabir Bedi/Sandokan, neo Cavaliere della Repubblica Italiana […]

  • albert :

    la tigre è ancora viva kabir .

  • Lorenza :

    Le notizie ufficiali su Kabir Bedi sono erronee. Quando ha girato Sandokan nel 1976 aveva già passato di parecchio la trentina d’anni. Non può essere del 1946…

  • Marco Restelli (autore) :

    Gentile Lorenza,
    su Kabir Bedi circolano notizie diverse a proposito del luogo di nascita: per esempio Wikipedia dice Lahore mentre l’Internet Movie Data Base, “Bibbia” del cinema online, dice che è nato a Bombay.
    Però c’è una cosa su cui tutte le fonti concordano: proprio la data di nascita, il 16 gennaio 1946. Quindi quando girò il primo Sandokan aveva effettivamente trent’anni (e in effetti dimostra quell’età, a vederlo allora non mi pare un vecchietto…). Tu a quali altre fonti ti riferisci per trarre le tue conclusioni?
    Un cordiale saluto,
    Marco

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.