Home » TIBET

Torce umane in Tibet: un articolo da leggere e discutere

19 ottobre 2011 di 3

Cari lettori, sono quasi con un piede sulla scaletta dell’aereo perché oggi parto per l’India (ne ho parlato qui) ma prima di andar via non posso esimermi dal segnalarvi un importante articolo a proposito del drammatico fenomeno delle “torce umane” in Tibet. L’articolo è pubblicato oggi sul quotidiano “Il Riformista” a firma di Piero Verni, giornalista-scrittore fra i più noti esperti di questioni tibetane in Italia. Invito tutti a commentare, che siate d’accordo oppure no con le tesi espresse dall’articolo. Buona lettura e a risentirci presto. MR

«In un crescendo impressionante di avvenimenti tragici, due giovani tibetani sono stati ieri abbattuti a raffiche di mitra da agenti della Polizia Cinese mentre dimostravano pacificamente per la liberazione del Tibet. L’episodio è avvenuto nel villaggio di Karze, una prefettura autonoma tibetana dello Sichuan, importante provincia della Cina Popolare.  Poco ore prima della sparatoria Tenzin Wangmo, una monaca ventenne del monastero Dechen Choekhorling della contea di Nnegaba, sempre nello Sichuan, si era data fuoco dopo aver gridato per alcuni minuti slogan in favore della libertà del Tibet. Con la sua morte sono quindi ben nove le persone che quest’anno si sono immolate con il fuoco per protestare contro l’occupazione del Tibet. Cinque solo in queste prime settimane di ottobre.

Di estrema prudenza è la posizione dell’Amministrazione Tibetana in Esilio che ha chiesto soprattutto l’intervento della diplomazia internazionale e celebrato ieri una giornata di preghiera. Più radicali sono invece le reazioni della società civile dell’esilio tibetano. Uno dei principali intellettuali della diaspora, lo scrittore Jamyang Norbu, si chiede, tra l’altro, se non sia il caso che  la direzione della lotta di liberazione passi nelle mani della resistenza interna visto che l’ex Governo tibetano in esilio è stato dichiarato sciolto nei mesi scorsi dallo stesso Dalai Lama. Claudio Cardelli, Presidente dell’Associazione Italia-Tibet che ha lanciato in questi giorni una riuscita campagna su Facebook dal nome “Torce Umane in Tibet”, lamenta l’assordante silenzio dei media: “Cerchiamo con questa iniziativa, che ha già raggiunto oltre 2500 adesioni e non solo in Italia, di compensare il vergognoso silenzio della stampa italiana su quanto sta accadendo in Tibet”.

In effetti il silenzio, o almeno il quasi silenzio, non è prerogativa unica della stampa italiana. Nove immolazioni con il fuoco meriterebbero sicuramente un’eco molto più vasta di quanto non stia accadendo. Anche perché non è ben chiaro quello che questi avvenimenti potrebbero innescare. Non a caso nel suo lucido intervento, Jamyang Norbu ricorda come le rivoluzioni arabe degli scorsi mesi partirono dalla morte di Mohamed Bouazizi, che il 4 gennaio scorso si diede fuoco a Tunisi per protestare contro il regime tunisino innescando quel profondo sconvolgimento che ancora sta scuotendo il mondo arabo. Sconvolgimento che fin dall’inizio ha enormemente preoccupato la dirigenza cinese che è arrivata al punto di proibire per settimane l’uso del termine “gelsomino”, parola simbolo della rivolta, sulla stampa e su Internet.

Infatti quella Cina che offre a un’Europa in profonda crisi economica e identitaria l’acquisto di buona parte del suo debito pubblico, non è la nazione forte e sicura immaginata da molti centri di potere politico ed economico. Oltre alla crisi tibetana, ci sono i mai risolti casi degli uiguri e dei mongoli. Così come all’interno della stessa popolazione han, Pechino deve affrontare i problemi causati dalle minoranze religiose che non si piegano alla sua repressione. Per non parlare dello stillicido di migliaia di piccole “rivolte del pane”, espressione rabbiosa della disperazione di milioni e milioni di individui costretti a vivere in condizioni di autentica indigenza. Infine, quello che è forse lo scenario più inquietante e che da tempo aleggia nel cielo sopra Pechino: lo spettro dello scoppio di una immensa bolla immobiliare. Deflagrazione che potrebbe avere effetti devastanti.

Ecco perché la dirigenza cinese è così preoccupata dalle terribili fiamme che sempre più numerose illuminano gli sconfinati orizzonti del Tetto del Mondo. Però l’algida chiusura ad ogni ipotesi di mutamento sembra non essere la via migliore da seguire. Per non cambiare niente, i signori di Zhongnanhai rischiano di far crollare tutto, incapaci di vedere quella scintilla che secondo Mao era in grado di incendiare l’intera prateria».
Piero Verni

 

 

 

 

 

 

Related Posts with Thumbnails

3 Risposte »

  • Torce umane in Tibet: un articolo da leggere e discutere :

    […] Per approfondire consulta la fonte: Torce umane in Tibet: un articolo da leggere e discutere […]

  • Wanda Raho :

    Alcuni giorni fa, ho pubblicato sulla mia bacheca un canto per il Tibet libero.L’ho visitato nel 1991 per la prima volta.L’occupazione cinese è stata ed è disastrosa, un crimine contro l’umanità.Bisogna aiutare i tibetani.

  • Cinzia :

    Bell’articolo. Molto ispirato e chiaro senza essere retorico.
    Bravissimo Verni

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.