Home » COREA (NORD E SUD)

Chi ha paura di Facebook? L’ultima monarchia comunista del mondo

4 novembre 2011 di 3

Cari lettori, se siete utenti di Facebook (ma anche se non lo siete) troverete “istruttiva” la storia che ho scritto in questo articolo pubblicato sul settimanale Il Venerdì di Repubblica il 21/10/2011. Buona lettura.

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-il (in borghese fra i militari)

La Corea del Nord ha paura di Facebook? Il padrone assoluto dell’ultima monarchia comunista del mondo, il Caro Leader Kim Jong-il,  si trova infatti in imbarazzo proprio a causa del social network. Il Caro Leader (questa è la definizione ufficiale della propaganda di regime) è venuto a sapere che alcuni giornalisti curiosi hanno scoperto su Facebook foto e post imbarazzanti messi da suo nipote Kim Han-sol. Particolare ulteriormente seccante: i giornalisti curiosi appartengono all’odiato “Paese fratello”, la Corea del Sud, che da 60 anni è divisa dalla Corea del Nord da una striscia di filo spinato lunga 250 kilometri, retaggio di un’era in cui il mondo era diviso fra “blocco capitalista” e “blocco comunista”.

Il nipote del dittatore, Kim Han-sol (16 anni)

Il nipote del dittatore nordcoreano ha 16 anni, sta per andare a studiare in un college gestito dall’Onu a Mostar, in Bosnia, e sulla sua pagina di Facebook appare simile a tanti suoi coetanei: in una foto ha i capelli arancioni e l’orecchino e si dice fan di Katy Perry e dei Coldplay; in un’altra invece è borghesemente vestito in giacca e papillon accanto a una ragazza con cui si scambia tenerezze: «mi mancherai tantissimo», le dice lui. «Ti amo anch’io, yeobo », gli risponde lei, utilizzando un vezzeggiativo che in coreano si usa solo fra marito e moglie. Ma quel che è peggio, in un post sul social network il ragazzo afferma: «preferisco la democrazia al comunismo».

Nulla di strano, se non si trattasse di un Paese dove i coetanei di Kim Han-sol vengono chiamati ogni settimana a dare prova di fedeltà al regime sventolando bandiere rosse durante le parate militari nelle piazze. La Corea del Nord è un fossile politico, una fortezza isolata dal resto del mondo, dove il 15% del Pil viene speso per l’Esercito benché 6 milioni di persone «siano ormai ridotte alla fame, e abbiano urgente bisogno di aiuti internazionali», come ha denunciato di recente il Segretario Generale dell’Onu, il sudcoreano Ban Ki-moon.
Ma quel che risulta più strano, agli occhi del Caro Leader, è la fonte stessa dello scandalo: Facebook, perché in Corea del Nord Internet è praticamente inesistente e i social network sono del tutto sconosciuti. Nella patria del Caro Leader perfino l’uso dei cellulari e i viaggi all’estero sono soggetti a forti restrizioni, c’è un solo canale televisivo (di Stato) che trasmette poche ore al giorno, non si ricevono le tv straniere e se non si ascoltano i notiziari di regime alla radio si rischia di essere denunciati da un vicino di casa per “infedeltà alla causa del popolo”. Così, anche i post di un sedicenne su Facebook diventano un segnale: il mondo non può essere tenuto fuori dalla porta di casa.
———
(Per saperne di più: leggete i precedenti post nella categoria “Corea nord e sud” che si trova nel riquadro “Categorie” nella Homepage di MilleOrienti)

Related Posts with Thumbnails

3 Risposte »

  • sonia namaste :

    Caro Marco, ti ho già parlato del mio imbarazzo in Cina a causa dei social network. Facebook non è accessibile, anche se io non lo uso…
    Il mio blog era bandito e il mio cellulare è stato isolato perchè sono state, forse (ma quasi sicuramente a detta della compagnia italiana) intercettate parole non gradite.
    Quello che succede in Corea è dunque in parte simile.
    Triste ma vero

  • Marco Restelli (autore) :

    Cara Sonia, la tua vicenda in effetti è esemplare, e ciò che è accaduto al tuo blog non mi stupirei accadesse anche al mio (quando andrò in Cina un giorno controllerò). Ma i signori del potere, che stiano a Pyongyang o a Beijing, si illudono se credono di poter tenere il mondo fuori della porta di casa, la Rete prima o poi farà filtrare informazioni scomode in ogni modo…come dimostra la crescente fame di informazioni anche fra gli utenti cinesi di internet.

  • antonio :

    Mi sembra anche giusto. Tutti si lamentano della TV spazzatura, del fatto che internet rincitrullisce la gente…in Corea del Nord questo problema è risolto, e anche ottimamente. Il Caro Leader dovrebbe esportare questo esempio in tutto il mondo. Noi oppressi siamo pronti a seguirlo.
    Morte al capitalismo USA!

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.