Home » BUDDHISMO, GIAPPONE

Appunti per un Natale Zen

22 dicembre 2011 di 6

Ho grande rispetto per il significato cristiano del Natale, benché io non sia cristiano. Questo Natale però vorrei dedicare a tutti voi lettori – cristiani o no – qualche riflessione sui valori dello Zen (consapevolezza, benevolenza, introspezione, presenza mentale qui-e-ora, distacco, serenità) che ho pubblicato nella rubrica MilleOrienti del numero di dicembre 2011/gennaio 2012 del mensile Yoga Journal. Vi dedico quindi questi appunti per un Natale Zen.

Il maestro zen Hakuin era noto per la purezza della sua vita. Un giorno una ragazza che abitava vicino a lui rimase incinta; i suoi genitori le chiesero chi fosse il padre ma la ragazza non voleva assolutamente dirlo. Finché, dopo molte insistenze dei genitori, rispose: è stato il monaco Hakuin.  I genitori furibondi allora andarono a casa del monaco ad accusarlo: «hai messo incinta nostra figlia, vergognati!». Il maestro zen rispose solo: «ah, sì?». Quando la ragazza partorì, il bambino fu portato ad Hakuin, che lo accudì amorevolmente. Naturalmente il monaco aveva perso la propria reputazione nel villaggio, ma la cosa lo lasciava indifferente. Un anno dopo, la ragazza confessò la verità ai propri genitori: il padre di suo figlio era un giovanotto che lavorava al mercato del pesce. Allora i suoi genitori, confusi e contrìti, andarono dal monaco a scusarsi e a riprendersi il bambino: «Perdonaci per averti accusato! Abbiamo saputo che non sei tu il colpevole!». Il maestro zen rispose solo: «ah, sì?».

Questa storiella fa parte di una celebre raccolta, 101 storie zen (pubblicata da Adelphi) e spiega bene quale dovrebbe essere – secondo il buddhismo zen – il giusto comportamento nei confronti degli altri: sereno distacco dalle turbolenze del mondo, perseguimento di ciò che è giusto, benevolenza nei confronti di tutti, compassione per gli errori che chiunque può commettere. Secondo il buddhismo mahayana (di cui fa parte lo zen) la compassione verso tutti gli esseri senzienti è una virtù fondamentale che nasce dalla consapevolezza dell’unità di tutti gli esseri viventi: “io” non sono separato da “te”, siamo la stessa cosa, perciò se tu sbagli nei miei confronti io posso perdonarti perché so di non essere diverso o migliore rispetto a te.

Consapevolezza, benevolenza, compassione universale. Quando queste virtù si intrecciano anche all’ironia, l’uomo che se ne fa portatore può risultare un Illuminato. E’ quanto capii tempo fa durante un incontro con il Dalai Lama. Ma di questo vi parlerò nella prossima rubrica MilleOrienti su Yoga Journal.

Related Posts with Thumbnails

6 Risposte »

  • donMo :

    Molto interessante,, caro Marco, auguri anche a te, dunque, e grazie per tutto ciò che fai!

  • Marco Restelli (autore) :

    Grazie a te, donMo, e Buon Natale!

  • sonia namaste :

    Buona fine e buon inizio

  • Gian :

    Mi sono chiesto più volte se in te esiste una piena conoscenza della religione cristiana cattolica. Non entro nel merito. Però dalla tua affermazione “non sono cristiano” debbo ovviamente arguire che la rinneghi, perchè mi risulta con assoluta certezza che tu sei battezzato, hai ricevuto la cresima, hai fatto la prima comunione. Non hai fatto un matrimonio in chiesa per libera scelta di entrambi gli sposi . Ben poco da eccepire per carità sulle tue scelte, però se posso permettermi di suggerirlo non sarei così drastico nell’autodefinirti non cristiano, perchè lo sei a tutti gli effetti, anche contro la tua volontà. I tuoi genitori non si sono pentiti di averti fatto cristiano, sentono che un giorno tu tornerai alla casa del Padre come qualsiasi figliol prodigo. E’ un augurio pieno di amore. Gian

  • Marco Restelli (autore) :

    Gian, il fatto che io sia nato all’interno della comunità cristiana – cioè battezzato – non fa di me, secondo la mia modesta opinione, un cristiano adulto. Come dicevo, ho enorme rispetto per il cristianesimo, ma ne sento i limiti, che non soddisfano la mia ricerca spirituale. Mi definisco un “cercatore dello Spirito” e durante il mio lungo peregrinare in Asia mi sono accorto di aver trovato spesso maggiori assonanze nel buddhismo. IL che non fa di me un buddhista. Resto un laico, un cercatore al di fuori degli steccati delle grandi religioni. Ciao.

  • Gian :

    Non mi sembra di essere “non moderato”, semplicemente ho espresso con prudente franchezza quello che io penso dell’appartenenza alla religione cristiana. Se sbaglio, sarei curioso di conoscere il tuo pensiero in proposito.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.