Home » GIAPPONE, MOSTRE

Spirito del Giappone: un’affascinante mostra fotografica a Torino

26 ottobre 2013 di -
Tokyo, temple Senso-ji d'Asakura, bonze mediant,  foto Suzanne Held

Tokyo, temple Senso-ji d’Asakura, bonze mediant, foto Suzanne Held

Spirito del Giappone è il titolo della bella mostra della fotografa francese Suzanne Held, allestita al MAO Museo d’Arte Orientale di Torino, dal 29 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014. Le 40 fotografie di grandi dimensioni dedicate da Held al Giappone  (e già esposte al Musée d’Arts Asiatiques di Nizza) vogliono cogliere l’influenza della tradizione in un Paese dove pure la modernità ha un aspetto pervasivo e spettacolare. Un aspetto che però non riassume “tutto” il Giappone. 

Negli scatti giapponesi Suzanne Held sceglie di restituire, lontano dagli eccessi e dalle tragedie della modernità, un Paese abitato dalla tradizione nel quale ogni istante si veste del silenzio del rituale, un Paese popolato tanto dagli uomini quanto dagli “spiriti” dello Shintō e dalle grandi figure del Buddhismo. In una parola, ricava il Giappone dalla contemplazione di una natura divinizzata, percepita, compresa e amata attraverso la meditazione. Suzanne Held fissa così, con una testimonianza luminosa e colorata, l’anima di un paese che il suo popolo ha sempre saputo salvaguardare.

Le immagini in mostra si articolano attorno a quattro grandi temi: le geisha, i giardini, i luoghi di culto dello Shinto e del Buddhismo.

– Tra gli aspetti della cultura giapponese più noti all’Occidente figurano le geisha.  Considerate erroneamente mere prostitute dagli Occidentali, le geisha sono letteralmente ‘persone d’arte’, donne istruite nella musica, nella danza e nel canto, altamente apprezzate e richieste dai clienti delle case da tè per il loro talento. Le geisha vestono kimono di seta decorati da motivi carichi di significato, che variano in base alla stagione, all’età di colei che indossa l’abito (colori vivaci per le giovani donne, colori tenui per le donne in età matura), alla casa da tè presso la quale operano.

I giardini, elemento essenziale della cultura nipponica, sono di solito presenti nell’immaginario occidentale nella forma del giardino secco. La realtà è tuttavia molto più varia. Per i Giapponesi, tutto è abitato. La pietra più piccola, il più piccolo ciuffo di muschio, ogni albero, foglia o fiore racchiudono uno spirito. Anche una porzione di natura che agli occhi di un Occidentale può apparire casuale è in realtà un giardino minuziosamente organizzato, sistemato in modo da riprodurre lo spazio naturale nel quale vivono gli spiriti, con lo scopo di attirarli e di assicurarsene la benevolenza.

– All’insegna della perfetta integrazione tra uomo e natura, alle foto di giardini si affiancano le suggestive immagini di luoghi di culto legati allo Shintō e al Buddhismo. Lo Shintō riconosce a tutti gli elementi della natura un’anima che si incarna in divinità chiamate kami. A differenza delle religioni occidentali che prevedono pratiche rigidamente codificate, lo Shintō è un insieme di riti che possono variare ampiamente di regione in regione, se non di villaggio in villaggio. Il Buddhismo giunse in Giappone dalla Corea, nella versione cinese del Grande Veicolo, nel corso del V-VI secolo d. C. Nel corso dei secoli nascono scuole e dottrine che si diffondono nel paese senza tuttavia oscurare la pratica dello Shintō. Oggi i due culti coabitano pacificamente, al punto che si usa dire “i Giapponesi nascono shintoisti e muoiono buddhisti”.

La mostra fotografica è arricchita dalla presenza di due antiche sculture buddhiste, da kimono e haori e da altri elementi che richiamano le tradizioni estetiche e culturali dell’arcipelago. Tra questi spiccano i bonsai e l’ikebana, l’arte di disporre composizioni floreali in vaso, con esemplari realizzati della Wafu School of Ikebana –  rappresentata da Ingrid Tosei Maier Galvagni e dei suoi allievi – e dall’atelier di ceramica del Monastero di Bose.

Per tutta la durata della mostra, un ricco calendario di eventi consentirà di immergersi totalmente nell’atmosfera giapponese, apprezzando dal vivo alcuni dei gesti che caratterizzano la cultura del Paese. Accanto alla cerimonia del tè, all’ikebana, alla calligrafiae alla danza butoh, troveranno spazio conferenze dedicate alla concezione e creazione deibonsai, alla carta e alla figura del guerriero giapponese.

Per consolidare e ribadire il rapporto di gemellaggio di Torino con la città di Nagoya, dall’inizio della mostra al 10 novembre verrà proiettato il cortometraggio “Knights and Noodles”, realizzato con il sostegno del Ministero del Commercio, dell’Economia e dell’Industria giapponese.

Infine dal 14 dicembre al 16 febbraio 2014, in occasione della mostra Origami – spirito di carta, realizzata dall’Associazione Yoshin Ryu nel vicino Palazzo Barolo, il MAO ospiterà un video dedicato all’arte tradizionale giapponese della  piegatura della carta.

Foto di Suzanne Held

Foto di Suzanne Held

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.