Home » INDIA, LIBRI

Il 20 marzo un incontro per scoprire le cantastorie del Bengala

7 marzo 2014 di -

COPERTINASe amate le arti popolari indiane segnatevi questo appuntamento:  il 20 marzo 2014 a Milano (Gogol Ostello & Caffè Letterario, via Chieti 1, ore 18.45) viene presentato un bellissimo libro sulle cantastorie del Bengala, che narrano le loro storie mostrando rotoli di tela meravigliosamente dipinti. Il libro si intitola Immagini Storie Parole. Dialoghi di formazione coi dipinti cantati delle donne Chitrakar del West Bengal (edizioni Universitas Studiorum, 2014, euro 18). Le curatrici del volume sono Urmila Chakarborty dell’Università degli Studi di Milano e Mariangela Giusti dell’Università di Milano-Bicocca, due studiose che – a differenza di altri accademici – hanno la capacità di catturare l’attenzione di qualsiasi lettore con un linguaggio chiaro e accattivante.

Così Urmila Chakraborty nel libro spiega chi sono i/le cantastorie del Bengala e cosa sono i loro “dipinti cantati” (patachitra): «Il termine patachitra deriva dall’unione dei vocaboli sanscriti patta, che significa letteralmente “tessuto”, e chitra, che significa “dipinto”, ambedue rintracciabili in testi risalenti a più di 2.500 anni fa. Indica una forma d’arte popolare in cui un rotolo di tela, di lunghezza variabile, viene appunto dipinto con illustrazioni a più riquadri, dall’andamento narrativo. L’impatto espressivo di questa forma di pittura è dato, oltre che dallo stile figurativo adottato, anche dall’estrema brillantezza dei colori delle immagini. Colori tradizionali che si potevano definire “ecologici”, in quanto ricavati da fonti naturali, quali piante, erbe, argilla ecc.; per esempio il colore giallo veniva estratto dalla curcuma, il nero dal carbone, il blu dai fiori di aparajita, il verde dall’albero di babal, e così via. Gli artisti che li dipingono sono popolarmente chiamati patua, ma sono anche conosciuti come chitrakar, dal significato letterale di “pittore”».

E’ un libro insolito e prezioso, Immagini Storie Parole. E’ un libro insolito perché nasce da un’attività didattica condotta presso l’Università di Milano Bicocca con gli studenti del corso di Pedagogia interculturale con l’obiettivo di far loro conoscere alcuni aspetti dell’arte indiana dei patachitra. Non è frequente che i lavori degli studenti universitari confluiscano in una pubblicazione. Ma è anche un libro prezioso perché si è assunto il compito (così le due autrici lo hanno pensato e realizzato) di creare piccoli ponti di conoscenza fra la cultura indiana (nello specifico: i manufatti delle donne Chitrakar del West Bengal)  e quella di chi appartiene ad altre e diverse parti del mondo. Il libro contiene infatti (oltre agli elaborati degli studenti) diversi testi di studiosi, esperti, artisti. Troviamo pagine di diario, memoires, saggi pedagogici, perfino scritti poetici di autrici e autori italiani, africani, sudamericani. La lettura del libro è gradevolissima e lascia al lettore la consapevolezza e l’esperienza concreta che la cultura è fatta veramente d’intrecci. Come quando in campagna si percorre un sentiero e, da lontano si riesce a vedere tutta la traccia di esso, il libro rappresenta un percorso di attraversamento di esperienze diverse, tutte legate alla formazione e all’apprendimento.
invito evento

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.