Home » INDIA, LIBRI, TURISMO E VIAGGI

“Calcutta dentro”, un bel libro di viaggio di Cinzia Bassani

23 ottobre 2015 di 4

03 calcutta di cinzia bassaniCinzia Bassani è un’affermata documentarista e fotografa, già vincitrice del Premio Chatwin e di altri premi. Come me e come altri “nomadi dell’anima” che girovagano in Asia ha trovato il proprio luogo del  cuore (il mio, come sanno i lettori di questo blog, è Amritsar) e se ne è innamorata: Calcutta, «la vera Calcutta, quella delle anime in cammino che lottano, sognano, vivono ad ogni costo». Così scrive nel suo affascinante resoconto di cinque lunghi soggiorni nella capitale del Bengala occidentale, un diario di viaggi e di vita che ha raccolto in un bel libro intitolato Calcutta dentro (editore De Ferrari, pag. 144, € 14).

fotocinziabassaniCinzia Bassani (nella foto qui sopra) ha scritto un libro spinta dall’urgenza delle emozioni più autentiche e il risultato è un diario intimo dei suoi incontri fondamentali – da quello con Madre Teresa di Calcutta e le sue suore a quello con gli esclusi dal boom economico indiano, gli “ultimi”, fino alla scoperta di realtà impensabili come la banca Usha, la prima e unica banca al mondo riservata alle prostitute, che portano magliette con la scritta «vendiamo il nostro corpo, non la nostra anima». 88-6405-617-3
Quella incontrata da Bassani è un’umanità dolente,  a volte malata (terribile e meraviglioso è il suo ritratto di una lebbrosa assorta in meditazione); un’umanità che l’autrice racconta con mezzi diversi (le foto o i video, stavolta le parole) ma sempre ispirata da un messaggio che le diede un lama tibetano: «Non dimenticare di vivere con il tuo cuore in mezzo agli uomini per scoprire il Dio che c’è in ciascuno».

Di questo libro anticonvenzionale Bassani parlerà il 28 ottobre 2015 a Torino, nella sede del Sermig (Piazza Borgo Dora 61, ore 21.30). Vi invito ad andare ad ascoltarla e , se non potete andare, a leggere il suo libro, per scoprire come questa metropoli riservi ad ognuno di noi un volto diverso e sorprendente, con esperienze capaci di fissarsi nella memoria. La “mia” Calcutta/Kolkata come si chiama oggi la capitale culturale dell’India, così vivace con la sua scena artistica, così diversa da quella degli “ultimi” descritta da Bassani, potete leggerla su questo mio reportage su Kolkata pubblicato poco tempo fa su MilleOrienti.

Fasi preparatorie della realizzazione artigianale di statue di divinità indù a Calcutta. Foto di Cinzia Bassani

Fasi preparatorie della realizzazione artigianale di statue di divinità indù a Calcutta. Foto di Cinzia Bassani

«Calcutta è capace di smontare e frantumare il tuo vissuto, restituendoti pietre sbriciolate che potranno nel tempo ricomporre il muro portante dell’esistenza, con un diverso baricentro», scrive Bassani. Auguro a ognuno di voi un vitale incontro con Calcutta/Kolkata, una città così interessante e multiforme, eppure finora così ignorata dagli italiani in India…

Related Posts with Thumbnails

4 Risposte »

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.

Inserisci il risultato dell\'operazione * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.