Home » INDIA

Su TGCOM 24 parliamo dei marò italiani arrestati e della crisi Italia-India

21 febbraio 2012 di 5

Oggi 21/02/2012 alle ore 16 su TGCOM 24 ci sarà un dibattito sulla crisi nei rapporti Italia-India in seguito all’arresto di due marò italiani. Com’è noto, sono stati fermati dalle autorità indiane con l’accusa di avere ucciso, lo scorso 15 febbraio, due pescatori, scambiandoli per pirati. I due militari italiani respingono con decisione la versione indiana e attribuiscono ad altri la morte dei due pescatori. Va rilevato che se l’accusa fosse provata, in India comporterebbe l’ergastolo o anche la pena di morte.  Ne ho parlato stamane anche nel programma Prima di tutto su Radio Rai 1 e anche a Radio Città Futura di Roma: la questione è complessa e vorrei condividere qualche riflessione anche con voi lettori di MilleOrienti.

I due marò italiani del San Marco fermati in India


1) Le versioni dell’incidente proposte dall’India e dall’Italia sono al momento inconciliabili. Non c’è accordo sui fatti, né sul luogo in cui si sarebbero svolti (acque internazionali o acque indiane? Da questo dipende chi è competente a giudicare, e non è cosa di poco conto!) e nemmeno sull’orario. I militari italiani di scorta sulla petroliera Enrica Lexie affermano di avere sparato in aria a scopo intimidatorio per respingere una barca di pirati, e che i due pescatori indiani devono essere stati uccisi da qualcun altro. Le autorità indiane ribattono di aver trovato i fori di 16 proiettili nella barca dei pescatori, ma rifiutano agli inviati italiani che stanno seguendo il caso in India sia il permesso di esaminare la barca sia quello di assistere all’autopsia. Il tempo stringe e le polemiche incalzano ma in questi giorni in india si festeggia Shivratri, e questo rallenterà l’iter giudiziario di qualche giorno.
2)  Le autorità indiane affermano che il mare al largo dello stato meridionale del Kerala, dove si sono svolti i tragici fatti, non è infestato da pirati e che la nave su cui erano imbarcati i militari italiani come scorta era sola in quella zona. Ma poi la guardia costiera indiana ha rilevato nella zona la presenza di altre quattro navi, una delle quali – la greca Olimpic Flair – ha denunciato di essere stata attaccata da pirati e di averli respinti.
3) La questione sta dando adito in India a un’ondata di risentimento nazionalistico: molti indiani stanno scrivendo lettere indignate ai principali mass media per chiedere giustizia per i due poveri pescatori e rispetto per la sovranità nazionale dell’India sulle proprie acque. L’associazione nazionale dei pescatori del Kerala ha proclamato oggi una manifestazione per chiedere, fra l’altro, l’arresto anche del comandante della nave italiana, e varie manifestazioni di protesta sono già state attuate da partiti politici di opposizione del governo indiano, in particolare il Bjp (destra hindu).
4) Nel gioco politico che si è aperto in India non è ininfluente il fatto che i militari accusati siano italiani. L’intransigenza finora mostrata dalle autorità indiane in questo caso potrebbe infatti essere dovuta anche alla volontà di non mostrare debolezze o favoritismi nei confronti di due persone provenienti dalla stessa nazione di origine della leader del Partito del Congresso attualmente al governo in India, la signora Sonia Gandhi, che com’è noto è di origine piemontese. Lo stato del Kerala, inoltre, è governato anch’esso dal Partito del Congresso, e ogni accomodamento con le autorità italiane comporterebbe un’accusa di “cedimento” verso la straniero da parte dei partiti dell’opposizione, in particolari dai comunisti, che in Kerala sono tradizionalmente forti.
5) Di tutto questo rischiano di fare le spese anche i rapporti Italia-India, che fino a oggi erano buoni, anzi in netto miglioramento: l’interscambio commerciale fra i due Paesi nel 2011 è cresciuto, le relazioni diplomatiche sono ottime, e nessuno – né l’Italia né l’India – vuole una crisi al buio. Per questo il Ministro degli esteri Terzi ha inviato in India un diplomatico di grande esperienza come il Sottosegretario agli Esteri De Mistura, e lo stesso Ministro si recherà in India settimana prossima. L’India, non dimentichiamolo, è una grande democrazia, e anche i mass media indiani  stanno dando conto della questione con correttezza, riportando anche le tesi della difesa e senza soffiare sul fuoco.

La situazione è molto delicata, ma resta la speranza di arrivare alla verità e di scongiurare una crisi politico-diplomatica senza precedenti.

Related Posts with Thumbnails

5 Risposte »

  • Su TGCOM 24 parliamo dei marò italiani arrestati e della crisi Italia-India :

    […] Prosegue Articolo Originale: Su TGCOM 24 parliamo dei marò italiani arrestati e della crisi Italia-India […]

  • Graziano Angelini :

    Solo una nazione insignificante e senza dignità come l’Italia può tollerare qualcosa che riuscirebbe impossibile a qualunque stato civile del pianeta.
    La nave italiana è territorio italiano, quindi inviolabile in acque internazionli e tanto meno sequestrabile e perquisibile;
    inoltre non è possibile che vengano prelevati due militari di scorta della suddetta nave e consegnati impunemente ad autorità terze.
    Naturalmente ciò presupporrebbe un minimo di amor proprio e dignità, valori di cui l’Italia è sprovvista.
    Faccio solo rilevare che il sequestro di una nave in acque internazionali e la cattura con irruzione a bordo ( territorio italiano) di militari del paese proprietario della nave, verrebbe considerato un deliberato atto di guerra dalle diplomazie di buona parte del mondo civile.
    Avrei voluto vedere se la petroliera fosse stata Inglese o Americana, o Francese, con equipaggio militare di quei Paesi!
    Non sorprende che sia avvenuto un gesto incredibile di questa gravità e di queste proporzioni a danno di una nave italiana, cioè di un Paese che , al di là delle ciance e fanfaronate di facciata, ha scelto da tempo ( o è stata costretta dalla situazione internazionale di fatto, essendo una nazione che non conta nulla )di essere piccolo piccolo; irrilevante a livello politico e militare.
    Mi piacerebbe sbagliarmi, ma so che siamo stimati cosa da poco e considerati ancora peggio.

  • Antonio :

    Sonia Gandhi di origine piemontese? ? Sonia Gandhi non è di origine piemontese, come scritto in questo articolo, ma veneta dato che è nata in Veneto (Lusiana, Vicenza) da genitori vicentini, veneti, che dopo qualche anno si trasferirono in Piemonte ad Orbassano. Sonia Maino Gandhi è piemontese di adozione.

  • Marco Restelli (autore) :

    Gentile lettore, ha ragione, si è trattato di una mia svista dovuta alla fretta. In effetti Sonia Maino è nata nel vicentino, però si è trasferita in Piemonte all’età di soli tre anni, e lì è poi vissuta con la famiglia. Possiamo quindi dire che l’influenza piemontese sia molto più significativa di quella vicentina (i primi tre anni di vita). Ciò non toglie che lei ha fatto bene a farmi notare l’imprecisione; la ringrazio e la saluto cordialmente. MR

  • Loris :

    Italia,barzelletta del mondo intero.Noi aiutiamo tutti,siamo sempre in prima fila,ma quando noi abbiamo bisogno nessuno ci degna di un aiuto.Dove sono adesso nel momento del bisogno i grandi amici dell Italia?Spariti come sempre,perchè l Italia è la barzelletta del mondo.La grande America potrebbe mettere un altolà all India,ma per l Italia se ne guarda bene,daltronde che importanza può avere una barzelletta mondiale.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.


− 3 = 5